PrevisioniPrimo piano

Nei prossimi giorni tempo in MIGLIORAMENTO, ma NON PER TUTTI

Dopo un weekend con condizioni meteo perturbate, destinate ad accompagnarci anche nella giornata di lunedì, nei prossimi giorni il tempo tenderà a migliorare ma non avremo giornate soleggiate ovunque.

Martedì la perturbazione 3 di gennaio, quella che attualmente sta insistendo sul Centro-Sud, concederà un miglioramento del tempo alle regioni centrali ma influenzerà ancora le condizioni meteo al Sud. In particolare, il tempo sarà molto instabile tra la Calabria meridionale e il nord della Sicilia, con numerose piogge anche a carattere di intensi rovesci e locali temporali. Sui rilievi arriverà la neve oltre i 1.100-1.300 metri.
Qualche locale pioggia potrà interessare anche la Sicilia orientale, la Calabria settentrionale e il Gargano.
Il tempo sarà per lo più soleggiato al Nord, in Toscana, in Umbria, nel nord delle Marche e nel Lazio; le fasce alpine di confine assisteranno però a un graduale aumento delle nuvole, che a fine giornata potrà essere accompagnato da qualche debole nevicata in Valle d’Aosta e Alto Adige.

meteo martedì temperature

Al mattino freddo intenso al Nord, dove le temperature minime subiranno un calo significativo, con gelate diffuse possibili anche in Toscana. I valori massimi saranno invece in leggero aumento nelle regioni centro-settentrionali e diminuiranno lievemente al Sud. Venti di Maestrale in rinforzo al Centro-Sud e sulle Isole, tenderanno a diventare fino a forti intorno a Sardegna e Sicilia. Mossi o molto mossi i mari del Centro-Sud, fino ad agitato il mare di Sardegna, con il rischio di mareggiate a fine giornata.

Condizioni meteo più stabili a metà settimana, ma qualche debole pioggia coinvolgerà ancora parte del Sud e delle Isole

Mercoledì il sole avrà la meglio in buona parte dell’Italia, ma prevarranno ancora le nuvole sulle Isole maggiori, in Puglia e in Calabria. Qualche debole pioggia isolata potrà interessare l’ovest della Sardegna, la Sicilia settentrionale e il sud della Calabria tirrenica. Qualche nuvola anche sui settori di confine delle Alpi, dove però non si prevedono precipitazioni significative.

Soffieranno venti intensi in gran parte del Paese. In particolare, il Maestrale sarà fino a forte sul Canale di Sicilia e su Mare e Canale di Sardegna, dove i mari risulteranno agitati. I restanti bacini saranno per lo più mossi o molto mossi, poco mossi solo l’alto Adriatico, il Ligure e il Tirreno settentrionale.
Le temperature aumenteranno in Sardegna e nelle regioni settentrionali, ma al Nord si osserveranno ancora valori sottozero all’alba.

Quella di giovedì sarà una giornata di bel tempo praticamente ovunque, con il sole che avrà la meglio in molte regioni. Il cielo sarà ancora un po’ nuvoloso sulle regioni tirreniche e sulle Isole maggiori, mentre qualche nevicata potrà interessare le Alpi, specie nei settori centro-orientali, al di sopra dei 700-1.000 metri.

Leggi anche:

Tempesta Filomena, 4 vittime in Spagna. NEVE RECORD a Madrid [VIDEO]

PRIMAVERA al Sud, FREDDO intenso al Nord: il divario è impressionante

Cielo apocalittico in SICILIA, avvolta da una foschia arancione: è sabbia del Sahara

Gli approfondimenti di IconaClima:

Usa, nel 2020 record di catastrofi meteo-climatiche “da 1 miliardo di dollari”

Dicembre 2020 è stato più caldo del normale in Italia, ma anche molto più piovoso

Si è chiuso il buco dell’ozono eccezionale del 2020: gli aggiornamenti

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button