Notizie mondoPrimo pianoVideo

Maltempo in SUDAN: a rischio anche le PIRAMIDI, patrimonio UNESCO

È emergenza maltempo in molti stati africani: più di un milione le persone coinvolte

Una feroce ondata di maltempo si è accanita sul Sudan, dove il Consiglio per la Sicurezza ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale per tre mesi. Durante questa stagione delle piogge, il forte maltempo ha ucciso almeno 99 persone in Sudan, dove si stima che siano andate distrutte oltre 100 mila abitazioni.

La situazione è estremamente critica anche in altri stati africani, dove il maltempo ha provocato danni gravissimi e ucciso molte persone. Qui il punto della situazione

In Sudan il maltempo sta minacciando anche le antiche piramidi del Paese. In particolare il pericolo è il vicino fiume Nilo Azzurro, che per le piogge abbondanti di quest’anno ha raggiunto livelli record. L’archeologo Marc Maillot ha fatto sapere ad AFP che le autorità stanno lavorando per proteggere il prezioso sito archeologico dall’inondazione, costruendo muri di sacchi di sabbia e pompando via acqua dal fiume.

Il sito messo a rischio dal maltempo ospita rovine di oltre 2.300 anni: anche se il Nilo straripa regolarmente, garantendo fin dall’antichità terre fertili agli agricoltori della regione, quella che sta vivendo l’Africa è una stagione delle piogge senza precedenti. «Le inondazioni non avevano mai colpito il sito archeologico prima d’ora», ha detto il dottor Maillot, spiegando che «Attualmente la situazione è sotto controllo, ma se il livello del Nilo continua a salire le misure adottate potrebbero non essere sufficienti».

Il sito a rischio si trova ad al-Bajrawiya, località che fu il cuore dell’antico Regno di Kush, una delle maggiori potenze della regione per oltre mille anni a partire dall’VIII secolo aC. Dichiarato Patrimonio dell’Umanità dalle Nazioni Unite, ospita centinaia di reperti archeologici: tra questi spiccano le piramidi, ma anche templi, antichi palazzi, cimiteri e altri luoghi d’interesse.

Secondo il ministero dell’acqua, il livello del Nilo Azzurro – il principale affluente del fiume Nilo – ha raggiunto i 17,57 metri, salendo al livello più alto mai registrato in oltre cento anni di osservazioni.

Leggi anche:

VORTICE da giovedì vicino all’ITALIA: tornano piogge e temporali

CICLONE MEDITERRANEO in azione sulla SPAGNA: situazione critica alle Baleari [VIDEO]

L’Atlantico “sforna” altre due TEMPESTE: stagione degli URAGANI molto attiva

Gli approfondimenti di IconaClima:

Groenlandia e Antartide, la fusione dei ghiacci segue lo scenario climatico peggiore

Clima, agosto 2020 è stato il quarto più caldo mai registrato a livello globale

Incendi in California: “tempesta di fuoco” a Fresno. Le cause del fenomeno

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button