CopertinaPrevisioni

Nuovo peggioramento METEO: da mercoledì MALTEMPO DIFFUSO

Una nuova perturbazione porterà piogge e rovesci su gran parte d'Italia a partire da mercoledì

La giornata di oggi concederà una breve tregua dal maltempo, ma un nuovo peggioramento delle condizioni meteo è atteso a partire da mercoledì. La quinta perturbazione di questo mese di ottobre sta gradualmente lasciando l’Italia con gli ultimi effetti in termini di piogge sulle regioni meridionali. Alle sue spalle l’aria fredda si è propagata fino al Sud con temperature scese sotto le medie e un inizio di giornata piuttosto fresco al Centro-Nord dove temporaneamente prevalgono ampie schiarite.

Si tratta però di un miglioramento solo temporaneo. Nel corso della prossima notte infatti si affaccerà l’ennesima perturbazione (n°6) il cui vortice di bassa pressione è destinato a gravitare in prossimità dell’Italia fino a venerdì. Dopo un mercoledì in cui le precipitazioni interesseranno soprattutto Sardegna, e i settori tirrenici della Penisola (possibili fenomeni intensi specie su Toscana e Lazio), nei due giorni successivi verrà coinvolto anche il resto d’Italia. L’andamento delle temperature sarà ovviamente influenzato dal nuovo passaggio perturbato con le minime in rialzo grazie all’incremento della nuvolosità e massime che caleranno in coincidenza nelle fasi più perturbate.

Meteo: oggi ancora qualche pioggia al Sud e sulle Isole

Al Nord, in Toscana, Umbria e Lazio tempo in prevalenza soleggiato fino al pomeriggio. Nuvole irregolari e variabili sul resto d’Italia con maggiori schiarite nel sud della Sicilia, al mattino anche su Sardegna orientale e alto Ionio. Possibili brevi e locali piogge in al mattino su nord della Campania, Puglia settentrionale, versante tirrenico della Calabria e della Sicilia. Tra pomeriggio e sera ancora qualche rovescio sparso su Calabria tirrenica, piogge o rovesci isolati su Marche meridionali, Abruzzo, Molise e centro-sud della Puglia. Nella notte nuvole in aumento al Nord-Ovest e sul medio Tirreno con possibili piogge su Piemonte orientale, Lombardia occidentale, Liguria di levante e alta Toscana.

Temperature massime ancora sotto le medie, in ulteriore lieve calo sul Sud peninsulare e sulla Sicilia tirrenica. Venti di Maestrale in graduale indebolimento al Centro, moderati o tesi al Sud e in Sicilia, fino a forti in Sardegna. Venti in prevalenza deboli al Nord. Mari: poco mossi sotto costa l’Adriatico, il basso Ionio e nella Sardegna tirrenica, mossi o molto mossi i restanti bacini, fino ad agitato il Mar di Corsica.

Mercoledì maltempo diffuso per l’arrivo di una nuova perturbazione

Nuovo peggioramento del tempo sui settori occidentali del paese. Al mattino qualche schiarita al Nord-Est e sul medio Adriatico; molte nuvole altrove con qualche debole pioggia al Nord-Ovest, Emilia occidentale; rovesci su Levante Ligure e alta Toscana; piogge e rovesci sparsi su Campania, alta Calabria tirrenica e nord-ovest della Sardegna. Nel pomeriggio precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio o temporale in Toscana, Lazio, Campania e nord della Sardegna. La sera ancora rovesci e temporali sulla Sardegna occidentale, rovesci e temporali anche intensi su Toscana e Lazio; graduale estensione delle piogge verso Liguria, Umbria ed Emilia Romagna.

Temperature in calo di qualche grado al Nord, in aumento su medio Adriatico, al Sud e in Sicilia; valori inferiori alla norma al Nord e regioni centrali tirreniche. Venti meridionali da moderati a tesi al Sud e nelle Isole maggiori, un po’ ventoso anche nel Mar Ligure, venti per lo più deboli altrove. Mari: poco mosso il medio-alto Adriatico; localmente mossi lo Ionio e il basso Adriatico; mossi o molto mossi tutti gli altri bacini.

maltempo

Leggi anche:

Risveglio FREDDO: in molte città termometro SOTTO i 5 GRADI

GRECIA: VIOLENTO MALTEMPO con GRANDINE e TEMPESTE DI FULMINI

Prima NEVE della stagione sull’ETNA: vulcano imbiancato [FOTO]

Le ultime novità da IconaClima:

Eventi meteo estremi: alluvioni più che raddoppiate negli ultimi 20 anni

Uragani e riscaldamento globale: quale legame?

Il buco dell’ozono sull’Antartide è uno dei più grandi e profondi degli ultimi anni

Tags

Articoli correlati

Back to top button