PrevisioniPrimo piano

MALTEMPO in vista, la TEMPESTA BARBARA minaccia anche l’Italia: ecco cosa succederà [VIDEO]

A partire da venerdì dovremo fare i conti con una nuova perturbazione, collegata direttamente alla violenta tempesta Barbara

Dopo giornate di tempo stabile e caldo anomalo, il maltempo tornerà a minacciare l’Italia a partire da venerdì, quando il Nord sarà investito dalla settima perturbazione di ottobre.
La perturbazione sarà collegata direttamente alla tempesta Barbara, che in questi giorni si sta accanendo sull’Europa occidentale sferzandola con venti da uragano e piogge torrenziali.

Andiamo incontro anche noi a un maltempo così violento?

Ci risponde il meteorologo Flavio Galbiati: «la perturbazione porterà un peggioramento del tempo da Nord a Sud, sensibile soprattutto dopo questi giorni con condizioni meteo più stabili e clima insolitamente mite, specie al Sud e sulle Isole. Il suo transito tuttavia sarà veloce e, anche se ci sarà il rischio di alcuni temporali localmente più intensi, le piogge non dovrebbero risultare particolarmente insistenti, quindi dovremmo essere risparmiati da accumuli estremi come quelli a cui abbiamo dovuto far fronte in alcune delle precedenti ondate di maltempo».

Tra venerdì e domenica la perturbazione coinvolgerà tutto il Paese: le tempistiche

La tempesta Barbara si sta muovendo lentamente e la perturbazione 7 di ottobre, a essa collegata, investirà l’Italia solo venerdì. Il maltempo coinvolgerà il Nord e la Toscana, a partire dal Nord-Ovest: ci sarà il rischio di fenomeni piuttosto intensi soprattutto sui settori settentrionali del Piemonte e della Lombardia, in serata anche sulle coste della Toscana e sull’estremo Levante ligure. Al mattino saranno possibili nebbie sul Polesine e sulla pianura veneta.
Nel resto del Centro e in Sardegna prevarrà il sole, con possibili nebbie nelle valli interne delle regioni centrali, ma nel corso della giornata si assisterà a un aumento delle nuvole a partire dalle Marche, dall’Umbria e dall’alto Lazio. Sole ancora protagonista al Sud e in Sicilia, con qualche velatura solo in serata.
Le temperature minime saranno in aumento in gran parte del Paese. Le massime saranno stabili o in lieve calo al Nord, per lo più in lieve aumento nelle aree più soleggiate del Centro-Sud, dove i valori resteranno oltre la media con punte intorno ai 25 gradi nelle Isole maggiori.

meteo sabato maltempo

Sabato il tempo sarà già in miglioramento all’estremo Nord-Ovest e sulle Alpi centrali, dove assisteremo ad ampie schiarite, mentre nel resto delle regioni settentrionali e in quelle centrali prevarranno ancora le nuvole. La nuvolosità sarà compatta soprattutto al Centro e sull’alto versante adriatico, con piogge e rovesci diffusi, e possibili temporali su bassa Toscana, Umbria e Appennino centrale. Qualche pioggia potrà ancora coinvolgere la Lombardia e la Sardegna, dove tuttavia i fenomeni saranno più sporadici, e nel nord della Campania saranno possibili temporali. Il cielo sarà parzialmente nuvoloso al Sud e in Sicilia, con schiarite più ampie nella Calabria ionica.
Le temperature massime caleranno nelle regioni centrali e in Sardegna, mentre saranno in rialzo al Nord. I venti saranno deboli o moderati, con rinforzi di Maestrale sulle Isole maggiori.

Domenica la perturbazione coinvolgerà anche il Sud, con condizioni di maltempo soprattutto in Campania, Calabria e Puglia. Ancora molte nuvole anche in Veneto e in Emilia Romagna, con piogge lungo l’Adriatico. Altrove nuvolosità più variabile, con il rischio di qualche pioggia isolata sui settori più settentrionali del Piemonte e della Lombardia. Valori minimi in calo al Centro-Nord, mentre le massime saranno in diminuzione al Sud e in Sicilia per effetto di venti moderati di Maestrale.

«Tra domenica e lunedì la perturbazione dovrebbe spostarsi verso la Grecia – ci anticipa il meteorologo Flavio Galbiati -, ma un nuovo sistema perturbato si avvicinerà rapidamente all’Italia investendo il Nord-Ovest e le regioni tirreniche all’inizio della prossima settimana». «Meglio seguire i prossimi aggiornamenti per avere informazioni più dettagliate su questa evoluzione».

Tags

Articoli correlati

Back to top button