Notizie mondoPrimo pianoVideo

ETA, la tempesta ora minaccia CUBA e la FLORIDA

Porterà venti intensi, piogge abbondanti e un'onda di tempesta alta più di 1 metro: alto il rischio di allagamenti, esondazioni e danni diffusi

L’ex-uragano Eta, dopo aver seminato distruzione e morte nei Paesi del Centro America, oggi attraverserà Cuba. La tempesta transiterà sui settori centrali dell’isola nella giornata di oggi, per poi riguadagnare il largo. Secondo le previsioni del National Hurricane Center della NOAA, la tempesta Eta dovrebbe raggiungere la Florida già nella giornata di lunedì, all’altezza della città di Miami e delle Florida Keys. Nelle ore successive è probabile che Eta compia una virata decisa verso est sul Golfo del Messico, per poi ripuntare verso nord-ovest, in direzione di nuovo della Florida occidentale.

I venti della tempesta soffiano in media a 100 km/h, ma con raffiche anche superiori. Gli effetti della tempesta si estendono per un raggio di 185 chilometri dal centro. Nelle prossime ore sono attese piogge intense in Jamaica e a Cuba, con accumuli complessivi di 300-400 mm e locali punte di 630 mm. Piogge forti colpiranno anche le Bahamas, con accumuli tra i 100 e i 200 mm, salvo punte vicine ai 400 mm.

L’impatto della tempesta Eta sulla terraferma darà vita ad allagamenti diffusi, con rischio di esondazioni e frane. L’onda di tempesta (storm surge) portata da Eta solleverà il livello del mare lungo le coste di oltre 1 metro a Cuba. Questo, insieme alle forti mareggiate previste, potrebbe provocare allagamenti costieri e danni.

Secondo le proiezioni, nel suo passaggio – seppur breve – sull’isola di Cuba, Eta potrebbe perdere un po’ di potenza, ma potrebbe riguadagnarla non appena raggiungerà di nuovo il mare. Non si esclude che Eta possa intensificarsi fin quasi a raggiungere l’intensità di uragano di categoria 1 prima del suo arrivo sulla Florida meridionale. Sulla Florida porterà piogge abbondanti, con accumuli tra i 150 e i 300 mm e punte di 450 mm. Anche in Florida la tempesta Eta potrebbe dare origine ad uno storm surge di oltre 1 metro, con mareggiate localmente distruttive.

Leggi anche:

Forte maltempo in FRANCIA: raffiche a 100 km/h e nubifragi

Biden alla Casa Bianca: una reale speranza per il clima? Cosa ci si aspetta dal nuovo presidente USA

Artico troppo caldo, ghiacci marini record ad ottobre 2020

Tags

Articoli correlati

Back to top button