Copertina

Forte maltempo, rischio di piogge alluvionali: le zone più a rischio

L’intensa perturbazione che ha raggiunto venerdì l’Italia ne condizionerà il tempo in tutto il weekend. Oggi mentre all’estremo Nord-Ovest, dopo le nevicate fino in pianura, avremo una pausa asciutta, assisteremo invece a situazioni di marcato maltempo sia nelle regioni centrali di ponente e in Sardegna (probabili rovesci o temporali con notevoli quantità di pioggia soprattutto in Toscana) che soprattutto al Nord-Est.

Nel settore alpino orientale e nelle vicine pianure quantitativi di precipitazione tra i 100 e i 200 mm si tradurranno in ulteriori nevicate in quota molto abbondanti (picchi intorno al metro e mezzo), e molta pioggia alle basse quote che potrà creare situazioni di criticità nell’alto Veneto, nel Friuli e lungo i fiumi ingrossati fino alle coste.

I forti e umidi venti di Scirocco che soffieranno con raffiche burrascose costituiranno un ulteriore elemento di criticità lungo le coste con mare molto agitato, forti mareggiate, acqua alta e quindi difficoltà di deflusso alla foce dei fiumi.

Tra la notte prossima e domani verranno coinvolte anche le regioni del medio Adriatico e quelle meridionali con una fase molto instabile e rovesci o temporali anche forti. Precipitazioni moderate o forti insisteranno anche all’estremo Nordest fino al pomeriggio di domenica con successiva attenuazione.

Nessun miglioramento in vista per il Ponte dell’Immacolata: altre perturbazioni, due in rapida sequenza, raggiungeranno l’Italia tra lunedì e martedì, in un contesto di notevole variabilità e di un clima sempre invernale al Nord e più fresco anche al Centro-Sud.

Sabato maltempo insistente al Nord-Est e tra Liguria, Emilia e Toscana

Giornata abbastanza soleggiata con cielo da poco a parzialmente nuvoloso su medio Adriatico, nord della Puglia e versante tirrenico di Calabria e Sicilia; cielo da nuvoloso o coperto nel resto d’Italia. Al Nord precipitazioni soprattutto a ridosso delle Alpi orientali e vicine pianure, sull’est della Lombardia, nel Levante ligure e in Emilia, tempo asciutto invece all’estremo Nord-Ovest. Quantitativi di pioggia particolarmente abbondanti tra alto Veneto e Friuli con fenomeni in ulteriore intensificazione e insistenti nella seconda parte della giornata.

Nevicate nelle Alpi, intense e con accumuli abbondanti in quelle centro-orientali con limite fino a 800-1200 metri, più elevato (fino a 1500 m) lungo le Prealpi orientali e in Carnia; neve inizialmente fino a 500-600 metri in Ossola e sull’Appennino ligure.

Tempo instabile con numerosi rovesci o temporali, più diffusi nella seconda parte della giornata, su Sardegna, Toscana, e Lazio con piogge più deboli e isolate fino all’Umbria e al nord della Campania. Verso sera sviluppo di rovesci o temporali in Sicilia e nel settore ionico.

Temperature minime per lo più in rialzo, massime in calo nel settore ligure e in Sardegna, in aumento invece al Nord-Est, al Centro-Sud e in Sicilia dove affluirà aria più mite sospinta da venti meridionali molto forti. Lo Scirocco soffierà con raffiche anche di burrasca sul Tirreno e l’Adriatico con condizioni favorevoli all’acqua alta nella laguna veneta. Mari: fino a molto agitati l’alto Adriatico e il Tirreno centrale, da molto mossi ad agitati tutti gli altri bacini.

Leggi anche:

Nel weekend codice arancione a Venezia per l’acqua alta

Spagna, tempesta in Galizia con onde di 9 metri: è allerta rossa

L’articolo Forte maltempo, rischio di piogge alluvionali: le zone più a rischio proviene da Icona Clima.

Articoli correlati

Back to top button