Notizie mondoPrimo pianoVideo

Fiji, arriva la super tempesta Yasa con raffiche a oltre 340 km orari. Dichiarato lo stato di calamità naturale

Le Fiji si preparano all’impatto con la super tempesta Yasa, previsto tra pochi minuti. Secondo le previsioni del Servizio Meteorologico nazionale, infatti, quando in Italia saranno circa le 9 di mattina e alle Fiji le ore 20:00 il potentissimo tifone farà landfall sulla provincia di Bua.

La situazione è drammatica: le isole sono minacciate da un ciclone intenso come un uragano di categoria 5, che spinge venti a 240 km orari con raffiche che arrivano addirittura a 345 km orari. Muovendosi a una velocità di circa 24 km all’ora, Yasa sta già sferzando le Fiji con venti potentissimi e piogge torrenziali.

Il rischio di alluvioni è altissimo, e a far paura è anche il mare, che potrà letteralmente sommergere intere zone costiere con onde anche più alte di 14 metri.

fiji allerta ciclone yasa
Fonte: Fiji Meteorological Service

Le autorità hanno allestito più di mille centri di evacuazione nelle due isole principali dell’arcipelago e hanno esortato gli abitanti a prepararsi all’impatto devastante con il ciclone facendo scorta di cibo e acqua, preparando kit di emergenza, mettendo il più possibile al sicuro le case e spostarsi dalle zone costiere ad aree più elevate. Fino a domani scatterà il coprifuoco alle 16:00 per tenere le persone alla larga dalle strade.
Secondo quanto ha riferito il primo ministro oltre 850 mila persone si trovano sulla rotta della super tempesta: è più del 95 per cento della popolazione delle Fiji.

Per far fronte alla crisi il National Disaster Management Office del governo ha già annunciato la dichiarazione dello stato di calamità per i prossimi 30 giorni.

Il premier delle Fiji non ha dubbi sul fatto che il riscaldamento globale stia provocando tempeste sempre più intense, che un tempo erano rare e recentemente stanno diventando sempre più frequenti. «Mentre il mondo si sta scaldando queste tempeste stanno diventando sempre più forti», ha detto, aggiungendo che «ognuno di noi deve trattare queste catastrofi provocate dal clima come una questione di vita o di morte».

Può interessarti anche:

Cambiamenti climatici, i cicloni tropicali diventano sempre più pericolosi

Il cambiamento climatico sta “spostando” i cicloni tropicali

Le notizie meteo:

Meteo, tempo stabile in gran parte d’Italia ma ci sono cambiamenti in vista

La tendenza meteo per la settimana di Natale

 

 

Articoli correlati

Back to top button