PrevisioniPrimo piano

Settimana prossima ancora perturbata: le zone a rischio PIOGGIA

Ad inizio della prossima settimana le condizioni meteo tenderanno a migliorare – anche se solo gradualmente e parzialmente – su diversi settori dell’Italia, interessati in questo weekend dal maltempo portato dalla terza perturbazione del mese. Tra lunedì e mercoledì saranno possibili ancora delle piogge, in graduale attenuazione prima al Centro e poi al Sud. Dopo un giovedì di tregua per l’Italia intera, però, verso la fine della settimana potrebbe già arrivare un nuovo peggioramento meteo.

Lunedì 11 gennaio piogge al Sud e su parte del Centro

Cielo sereno o poco nuvoloso gran parte del Nord, qualche annuvolamento solo nel sud dell’Emilia e sulla Romagna. Il cielo sarà nuvoloso o molto nuvoloso nel resto del Paese, dove si faranno ancora sentire gli effetti della perturbazione giunta sabato. Nel corso della giornata saranno possibili nevicate fino a quote molto basse sulle Marche, specialmente nel nord della regione, e non si esclude che qualche fiocco raggiunga anche l’Umbria. Rovesci e possibili temporali in Sardegna, più probabili nel sud dell’isola, sulla Calabria e nel Messinese. Qualche breve rovescio isolato potrà interessare anche il basso Lazio, la Campania meridionale, la Basilicata e il sud della Puglia.

Le temperature saranno per lo più in diminuzione, più sensibile al Sud. Soffieranno venti moderati settentrionali sulla Liguria, sull’alto Adriatico e sulle regioni centrali; altrove venti per lo più deboli. Saranno mossi o molto mossi l’Adriatico settentrionale e il Mar Tirreno.

Martedì 12 gennaio rovesci e temporali al Sud

Al Nord e sulla Toscana cielo in prevalenza poco nuvoloso, con tendenza ad aumento della nuvolosità sulle fasce alpine di confine; sulle regioni centro-meridionali e sulle isole cielo nuvoloso. Probabili rovesci e temporali sui settori tirrenici della Calabria e della Sicilia: brevi rovesci isolati saranno possibili anche sulla Basilicata occidentale, lungo le coste della Campania e della Puglia. Sui rilievi della Calabria e della Sicilia nevicate sopra 1000-1200 m. La sera un po’ di neve sulle Alpi valdostane.

Temperature in calo nei valori minimi; massime in leggero aumento al Centro-Nord, in lieve calo in Sicilia e all’estremo Sud. Venti da moderati a localmente tesi di maestrale sulle isole e lungo l’Adriatico centrale; per lo più deboli altrove. Mari: molto mossi quelli attorno alle isole; da mosso a localmente mosso il medio e basso Adriatico.

A metà settimana ultime piogge tra Sicilia e Calabria, ma entro il weekend è probabile un nuovo peggioramento meteo

Nella giornata di mercoledì saranno ancora possibili piogge e rovesci sui settori settentrionali della Sicilia e meridionali della Calabria. Altrove, invece, il tempo risulterà più stabile e complessivamente meno freddo. Giovedì sarà una giornata complessivamente stabile da Nord a Sud. Le uniche zone che vedranno delle precipitazioni saranno i settori alpini di nord-ovest, dove sono attese nevicate, specie nel settore valdostano.

Nell’ultima parte della settimana, nello scenario attualmente più probabile, sull’Italia potrebbe formarsi un’area di bassa pressione che potrebbe riportare condizioni di maltempo e richiamare verso l’Italia aria più fredda dall’Europa continentale.

Leggi anche:

Dicembre 2020 è stato più caldo del normale, ma anche molto più piovoso

Madrid sotto la NEVE: massima allerta in SPAGNA per la tempesta Filomena

FREDDO INTENSO o al Nord, CALDO al Sud: differenze estreme sull’Italia

L’articolo Settimana prossima ancora perturbata: le zone a rischio pioggia proviene da Icona Clima.

Tags

Articoli correlati

Back to top button