PrevisioniPrimo piano

TREGUA dalla pioggia a inizio settimana, ma si profila già una nuova ONDATA DI MALTEMPO. Le tempistiche

Questa prima parte di dicembre è stata contrassegnata da condizioni meteo decisamente movimentate: finora 3 intense perturbazioni hanno raggiunto l’Italia, e tra stasera e domani ne arriveranno altre due.

L’ultima perturbazione di questa serie farà sentire i suoi effetti soprattutto tra domani e sabato, per attardarsi poi, domenica, su parte del Centro-Sud. In particolare, mentre domenica le condizioni meteo saranno in deciso miglioramento al Nord, in Sardegna e nelle regioni centrali tirreniche, nel resto del Paese prevarranno le nuvole, accompagnate da qualche pioggia su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata orientale, Calabria e Sicilia settentrionale. Il tempo migliorerà anche qui a fine giornata.

meteo domenicaLa nuova settimana si aprirà poi con un lunedì di bel tempo ovunque, grazie all’avanzata dell’alta pressione. Le condizioni meteo stabili favoriranno tuttavia lo sviluppo di nebbie in Pianura padana e, in parte, anche lungo le valli interne delle regioni centrali.
Le temperature aumenteranno in gran parte dell’Italia. Faranno eccezione le zone interessate dalle nebbie e le regioni meridionali, dove soffierà ancora un po’ di Maestrale.

In seguito inizieremo a osservare i primi segnali di cedimento dell’alta pressione, che tra martedì e mercoledì si indebolirà lasciando esposto il Nord e parte del Centro a correnti umide atlantiche. Ne conseguirà un aumento della nuvolosità, che tuttavia sarà accompagnata da piogge poco significative.

Il peggioramento sarà più evidente da metà settimana, quando l’alta pressione si indebolirà ulteriormente e l’Italia sarà investita da una nuova perturbazione, la numero 6 di dicembre, che secondo l’attuale tendenza meteo dovrebbe investire il nostro Paese tra mercoledì 16 dicembre e venerdì 18, a partire dal Nord-Ovest. I prossimi aggiornamenti permetteranno di conoscere maggiori dettagli su questa evoluzione.

Gli approfondimenti:

Clima, in Italia novembre estremo: molto più caldo e asciutto del normale, è arrivata metà della pioggia

Previsione delle valanghe: “un’arte in mano a poche persone altamente specializzate”

Artico caldo: estensione dei ghiacci marini ai minimi nel novembre 2020

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button