CopertinaPrevisioni

MALTEMPO invernale in molte regioni: NEVE, PIOGGE e FORTI VENTI

Un maltempo di stampo decisamente invernale sta per irrompere sul nostro Paese, a partire dalle regioni del Nord

Un maltempo di stampo decisamente invernale piomba sull’Italia in questo inizio di dicembre. Alla fine della giornata odierna, infatti, l’aria fredda farà irruzione a iniziare dalle regioni del Nord, dove si avranno già le prime nevicate. Il fronte freddo darà origine a un vortice ciclonico centrato sull’alto Tirreno, che influenzerà direttamente il Centro-Sud con un’intensa ondata di maltempo: molte piogge, forti venti, mari molto mossi e neve in quota sull’Appennino centrale.

Meteo per le prossime ore: sul finire di giornata il tempo farà registrare un brusco peggioramento. Piogge e venti in intensificazione e prime nevicate

Nuvolosità in aumento sulla maggior parte delle regioni centro-settentrionali, su basso Tirreno e Sardegna. Inizialmente, ampie zone di sereno resisteranno all’estremo Nordest, tra Basilicata e Puglia e in Sicilia. Dal pomeriggio prime locali e deboli piogge lungo il versante tirrenico peninsulare, su Liguria, sud ed est del Piemonte, ovest della Lombardia; deboli nevicate sulle Alpi centrali, sull’Appennino ligure e piacentino e in Alto Adige fin verso 800-1000 metri.

Tra sera e notte ulteriore generale peggioramento, con precipitazioni in intensificazione su Sardegna, basso Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Marche e Campania. Nel Cuneese, nell’entroterra ligure e sull’Emilia centro-occidentale quota neve in brusco abbassamento fin verso 200-300 metri. Entro l’alba probabile neve fino in pianura da Piacenza a Reggio Emilia. Attesi accumuli significativi a Cuneo, Piacenza, Parma.

Temperature in sensibile calo a fine giornata sulle regioni settentrionali. Clima ancora mite al Sud.
Venti di Maestrale in sensibile rinforzo sulla Sardegna, sui mari prospicienti e nel Canale di Sicilia, con raffiche fino a 50-60 km/h; altrove venti inizialmente deboli, con tendenza a generale intensificazione dalla notte.

Meteo per domani (mercoledì 2 dicembre): giornata di maltempo in molte regioni. Al Nord neve fino in pianura. Venti in generale intensificazione

Giornata di maltempo in molte regioni, con qualche parziale schiarita al mattino solo sul basso versante ionico; nel pomeriggio sulla Puglia centrale. Molto nuvoloso o coperto altrove. Al mattino al Nord nevicate, anche moderate, fino in pianura sull’Emilia centro-occidentale, a ridosso dell’Appennino ligure e del cuneese. Qualche fiocco di neve a quote basse anche nel torinese, sulla bassa Lombardia, lungo la pedemontana veneta e nelle vicine Prealpi. Piogge sparse, anche moderate, nel resto delle Venezie e in Romagna; piogge più deboli e isolate su coste liguri e ovest Lombardia.

Piogge sparse e locali rovesci anche lungo le regioni tirreniche, Sardegna e sud-ovest della Sicilia. Nel pomeriggio al Nord fenomeni più deboli e isolati, possibili un po’ in tutte le regioni, ad eccezione della Liguria e della Valle d’Aosta; limite della neve in lieve rialzo, ma ancora possibile in pianura, nell’estremo ovest dell’Emilia.

Si intensifica il maltempo al Centro e in Campania, con rovesci o temporali in particolare nel Lazio e nel nord della Campania. Neve sull’Appennino centrale oltre i 1400-1500 metri. Tra sera e notte peggiora anche sul resto del Sud, con rischio di locali rovesci o temporali su Sicilia, Calabria tirrenica e in risalita lungo lo Ionio. Al Nord i fenomeni gradualmente si concentreranno nelle regioni nord-orientali.

Clima freddo al Nord, con temperature inferiori alla media; lievi rialzi sul Sud peninsulare e sul medio Adriatico. Ventoso per venti da moderati a forti in rotazione intorno al minimo di pressione centrato sull’alto Tirreno: Bora sull’alto Adriatico, Tramontana in Liguria e Sardegna, Libeccio e Scirocco al Sud e sulla Sicilia. Mari da mossi a molto mossi, fino a localmente agitato l’alto Adriatico.

.

Leggi anche:

FOTO e VIDEO – Russia, fino a 4 metri di NEVE a NORILSK: auto sepolte

NEVE e GELO, mezza Europa in allerta: preoccupa il rischio di GELICIDIO. Ora nel mirino c’è l’ITALIA

Tags

Articoli correlati

Back to top button