CopertinaPrevisioni

CALDO ancora intenso al Centro-Sud, ma si profila una TREGUA. Ecco quando

Mentre il Nord è nel mirino dei temporali, il caldo resterà protagonista al Centro-Sud anche all'inizio della prossima settimana. Cambiamento in vista tra martedì e mercoledì

Mentre il Nord va incontro a giornate di maltempo, con forti temporali e rischio grandinate, al Centro-Sud e sulle Isole maggiori continua a fare molto caldo.

Questa intensa ondata di caldo, la terza dell’estate 2020, proseguirà anche all’inizio della prossima settimana, quando al Centro-Sud e sulle Isole maggiori i valori massimi saranno ancora diffusamente oltre i 35 gradi, con punte che, soprattutto in Sicilia, potranno anche arrivare fino a 38-39 gradi.

meteo domenica temporali

La nuova settimana si aprirà domani con una giornata soleggiata e calda al Centro-Sud e sulle Isole maggiori. Faranno eccezione solo nubi passeggere sulla Sicilia, nel nord-ovest della Toscana e qualche nuvola che nel pomeriggio si svilupperà lungo l’Appennino. Le temperature saranno ancora elevate, con caldo intenso soprattutto al Sud e in Sicilia, ma sul medio-alto Tirreno e nel nord della Sardegna i valori faranno registrare una prima lieve flessione.

Martedì il sole continuerà ad avere la meglio al Sud e in Sicilia, dove ci sarà solo qualche velatura passeggera. Al Centro e sulla Sardegna il cielo sarà più nuvoloso: le condizioni meteo saranno invece influenzate dalla perturbazione numero 5 di agosto, che al Nord sarà responsabile di una fase di intenso maltempo. Al mattino i primi locali rovesci o temporali interesseranno il nord-ovest della Toscana, e nel pomeriggio potranno espandersi alla dorsale adriatica dell’Appennino e alle zone interne di Lazio e Toscana. Il caldo si attenuerà nelle regioni centrali e in Sardegna, ma anche in Campania e nel nord della Puglia. Nel resto del Sud e in Sicilia le temperature saranno ancora elevate, con valori fino a 35-37 gradi.

Leggi anche:

Spaventoso TORNADO DI FUOCO in California: il VIDEO

MALTEMPO in arrivo al Nord: torna anche la GRANDINE. Le zone a rischio

Gli approfondimenti di IconaClima:

Ci vorranno vent’anni per ripulire le acque di Mauritius

Amnesty International sull’emergenza climatica: la più grande violazione intergenerazionale dei diritti umani

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button