PrevisioniPrimo piano

Maltempo senza tregua: anche per l’Immacolata rischio nubifragi

Nella settimana dell’Immacolata si profilano nuove fasi di forte maltempo sull’Italia. Dopo il passaggio della seconda perturbazione del mese, proprio per martedì 8 dicembre si profila l’arrivo di un altro sistema perturbato.

Lunedì intanto cielo in prevalenza nuvoloso, con temporanee schiarite sulle regioni centrali adriatiche e all’estremo Sud. Il maltempo concederà una tregua, breve e solo parziale: le precipitazioni – in prevalenza deboli, sparse e intermittenti – saranno ancora probabili in particolare su Piemonte, Lombardia, Liguria centro-orientale, Appennino settentrionale (nevose oltre i 1000 metri), regioni tirreniche fino all’alta Calabria, ovest della Sicilia. Precipitazioni attese anche nel settore alpino e prealpino.  Neve fino a quote comprese tra i 400 metri nel settore piemontese e i 100 in quello friulano.

Nella notte tendenza a un nuovo peggioramento, dovuto all’avvicinarsi della terza perturbazione di dicembre: piogge e temporali sulla Sardegna; deboli nevicate sul Piemonte e nell’entroterra ligure di Ponente fin verso i 200-300 metri.

Per l’Immacolata nuova fase di maltempo sull’Italia

Martedì l’Italia sarà alle prese con l’ennesimo passaggio perturbato. Il Nordovest verrà solo lambito nelle prime ore della giornata con qualche debole precipitazione tra il basso Piemonte e la Liguria nevose a che a 3-500 metri. In giornata le precipitazioni più forti interesseranno il Nordest con fenomeni ancora una volta intensi tra alto Veneto e Friuli Venezia Giulia e nevicate nel settore alpino oltre 700-900 metri. Al Centro in Sardegna e Campania rovesci o temporali anche forti in particolare nel Lazio e sulla Campania, isolati temporali anche nell’ovest della Sardegna. Sul resto del Sud peggiora nella seconda parte della giornata con locali rovesci o temporali a iniziare dalla Sicilia.

Neve solo in quota oltre i 1500 metri sull’Appennino centrale. Giornata ventosa con venti da moderati a forti in rotazione antioraria intorno alla nuova depressione centrata sul basso Ligure. Il richiamo di venti meridionali favorirà anche dei lievi rialzi al Sud e nelle Isole maggiori Massime stabili o in lieve calo al Centro-nord.
Mari tutti molto mossi, anche agitati quelli di Ponente.

Nuove fasi di maltempo in settimana

Nei giorni successivi l’Italia rimarrà interessata da una circolazione ciclonica con occasioni quindi per nuove fasi piovose o perturbate. Mercoledì il rischio di piogge sarà per lo più concentrato intorno al Tirreno e nelle Isole . Deboli fenomeni potranno interessare anche le alpi centro-orientali e le pianure adiacenti con neve oltre i 500-900 metri.

Tra giovedì e venerdì una fase perturbata più importante attraverserà gran parte d’Italia a iniziare dalle regioni occidentali con fenomeni anche forti al Centro-sud e neve debole a quote collinari al Nordovest. Temperature altalenanti con tendenza comunque a clima più fresco anche al Sud.

L’articolo Maltempo senza tregua: anche per l’Immacolata rischio nubifragi proviene da Icona Clima.

Tags

Articoli correlati

Back to top button