Notizie mondo

TIFONE BAVI sempre più potente: il bersaglio è la COREA del SUD

Il tifone Bavi sta diventando sempre più intenso: farà sentire i suoi effetti su alcune zone di Cina e Giappone prima di colpire la Corea del Sud e, in seguito, quella del Nord

Sulle acque dell’Oceano Pacifico ha preso forma il potente Tifone Bavi, che si muove vicino alle coste sud-orientali della Cina.

Attualmente il tifone Bavi si sta spostando in direzione nord spingendo venti a quasi 100 chilometri orari, e secondo la Korea Meteorological Administration si muove a una velocità piuttosto ridotta, di circa 7 km orari. Stando alle previsioni, la tempesta dovrebbe diventare ancora più intensa nelle prossime ore, arrivando ad acquisire la forza di un uragano di categoria 2 nella giornata di domani e di categoria 3 entro martedì, quando i suoi violentissimi venti potranno superare i 160 km/h.

Nelle ultime ore, la tempesta ha fatto sentire i suoi effetti su Taiwan e sulla prefettura giapponese di Okinawa.

https://twitter.com/i/status/1297469186927554561

Secondo gli esperti, il tifone proseguirà il suo cammino facendo sentire i suoi effetti sulle coste sud-orientali della Cina e su quelle sud-orientali del Giappone prima di investire in pieno la Corea del Sud. L’impatto con l’isola di Jeju è previsto per mercoledì mattina e in seguito Bavi si sposterà quando secondo le previsioni Bavi sarà ancora un potente tifone e spazzerà la terraferma con venti a oltre 150 km/h. In seguito, il tifone Bavi investirà anche la penisola della Corea del Sud, arrivando a colpire anche la capitale Seul, prima di proseguire il suo tragitto verso la Corea del Nord: per venerdì è previsto l’impatto su Pyongyang.

Fonte: Korea Meteorological Administration
Leggi anche:

Forti TEMPORALI in arrivo: ALLERTA ARANCIONE in LOMBARDIA

BURRASCA di fine ESTATE? tutti i dettagli

Due URAGANI in rotta di COLLISIONE sul Golfo del Messico

Gli approfondimenti di IconaClimaI

Groenlandia, la fusione dei ghiacci ha «superato il punto di non ritorno»: gli effetti rischiano di essere catastrofici

Incendi in Amazzonia, quest’anno potrebbe essere ancora peggio del 2019

Tags

Articoli correlati

Back to top button