CopertinaPrevisioni

Ancora PIOGGE al Centro-Sud, MALTEMPO più intenso da domani

Situazione meteo movimentata per l’Italia, investita da 2 perturbazioni in soli 3 giorni: il primo sistema perturbato è giunto ieri dal Nord Africa, e anche oggi farà sentire i suoi effetti in diverse zone, specie al Centro-Sud. Un’altra perturbazione arriverà domani, e sarà responsabile di un weekend segnato da maltempo localmente intenso.

Nel frattempo due diverse masse d’aria disegneranno un’Italia nettamente divisa in due dalle temperature: mentre al Nord i valori restano decisamente invernali, con temperature diffusamente sottozero all’alba, al Sud l’afflusso di correnti miti determina un sensibile aumento del caldo. All’estremo Sud e in Sicilia potremo osservare valori massimi anche intorno ai 20 gradi, tipici della stagione primaverile più che dell’inverno.

meteo weekend

Le previsioni per le prossime ore

Condizioni meteo per lo più stabili in buona parte del Nord, con schiarite ampie sulle Alpi, ma anche in Calabria e in Sicilia. Altrove molte nuvole, accompagnate da precipitazioni sparse su Romagna e Marche, con neve a quote collinari nelle zone interne, piogge più isolate su Gargano, bassa Campania e sud della Sardegna.

Dal pomeriggio schiarite in graduale estensione anche al resto del Nord; tendenza a un miglioramento anche sul medio Adriatico, mentre locali piogge saranno possibili su Cagliaritano, bassa Campania, Lucania e ovest della Sicilia, in propagazione alla fine della giornata al settore intorno all’alto Ionio. Nella notte nuovo peggioramento in Sardegna, al Nord possibili banchi di nebbia lungo il Po.

Temperature in aumento sulle regioni meridionali: il clima sarà particolarmente mite all’estremo Sud e in Sicilia, dove si potranno toccare punte anche leggermente superiori ai 20 gradi. Al Centro-Nord, invece, le temperature saranno intorno alla media.
I venti soffieranno moderati o tesi di Libeccio al Sud e in Sicilia, da deboli a moderati settentrionali altrove. I mari saranno per lo più mossi o localmente molto mossi, poco mossi l’alto Adriatico e i tratti sotto costa di Ligure, Tirreno orientale e meridionale.

Allerta gialla su 4 regioni

Per la giornata di oggi la Protezione Civile ha diramato l’allerta gialla sui seguenti settori:

  • ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA GIALLA:
    Basilicata: Basi-A2, Basi-D, Basi-C
  • ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA GIALLA:
    Abruzzo: Bacino del Pescara, Bacino Alto del Sangro, Bacini Tordino Vomano, Bacino dell’Aterno, Marsica, Bacino Basso del Sangro
    Basilicata: Basi-A2, Basi-D, Basi-C
    Emilia Romagna: Montagna emiliana centrale, Collina emiliana centrale, Montagna piacentino-parmense, Bassa collina piacentino-parmense, Alta collina piacentino-parmense, Montagna bolognese
    Puglia: Sub-Appennino Dauno, Tavoliere – bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle, Basso Fortore, Gargano e Tremiti

meteo sabato

Le previsioni meteo per domani, sabato 9 gennaio

Ampie schiarite su Alpi e alta pianura padana.
Nuvoloso o molto nuvoloso nel resto d’Italia con piogge a tratti intense a partire da Sardegna, basso Lazio e regioni meridionali. Nel corso della giornata il maltempo si estenderà al resto del Centro e più marginalmente, nella notte successiva, anche alla Liguria e all’Emilia Romagna. Al Nord la neve potrà arrivare fino a quote molto basse in Appennino e sull’Emilia occidentale; quota neve 600-1.300 metri sull’Appennino centrale.

Temperature minime sottozero in gran parte del Nord. I valori massimi caleranno su Lazio, Abruzzo, Molise e Sud peninsulare, mentre saranno ancora possibili punte intorno ai 20 gradi in Sicilia.
Venti in intensificazione sui mari di ponente, soffieranno fino a forti da nord-nordest sul Ligure e in prossimità della Sardegna settentrionale. Mare poco mosso o mosso nell’Adriatico; almeno mossi gli altro mari, fino a molto mossi o localmente agitati il Ligure, il Tirreno e i mari della Sardegna.

Leggi anche:

SABBIA DEL SAHARA in arrivo: LA MAPPA delle zone coinvolte

Si è chiuso il buco dell’ozono eccezionale del 2020: gli aggiornamenti

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button