Notizie mondoPrimo pianoVideo

Vulcano Canarie, la LAVA raggiunge l’OCEANO! Ecco cosa succede [VIDEO]

La lava del Cumbre Vieja ha raggiunto l'oceano a 10 giorni dall'eruzione: l'evento era particolarmente temuto per quello che potrebbe scatenare

La lava del vulcano di Cumbre Vieja, nelle Canarie, ha raggiunto il mare a 10 giorni dall’eruzione che ha distrutto oltre 600 abitazioni. È avvenuto ieri intorno alla mezzanotte, nella zona conosciuta come Playa de los Guirres, sull’isola di La Palma. L’ingresso in mare della massa incandescente ha provocato intense emanazioni di fumo bianco e nero, nonché l’ebollizione dell’acqua. Il contatto tra il magma e l’acqua era un evento particolarmente temuto per quello che potrebbe generare, come per esempio esplosioni, ondate di acqua bollente o peggio ancora nubi tossiche.

Vulcano di Cumbre Vieja, la lava ha raggiunto l’oceano e sta formando un delta lavico

Secondo l’Istituto spagnolo di Oceanografia, la quantità di lava che è defluita in mare a La Palma dalla mezzanotte scorsa ha iniziato a formare un delta lavico nella zona della scogliera dove è caduto in acqua il materiale espulso dal vulcano, il quale inizia gradualmente a guadagnare terreno dal mare.

Quando il materiale magmatico ha raggiunto l’oceano, ha formato una sorta di piramide alta più di 50 metri come osservato dall’Istituto spagnolo di Oceanografia. Secondo l’oceanografo Eugenio Fraile, si è formata una perfetta piramide dorata circondata da nuvole bianche.

La lava è caduta lentamente e l’unica cosa che è stata vista in lontananza sono state pietre roventi che cadevano in mare. Non appena hanno toccato l’acqua, i presenti hanno potuto osservare come colonne di fumo e gas si alzassero verso il cielo per effetto del contrasto termico tra la lava del vulcano, che sgorga a circa 1.000 gradi e la temperatura del mare.

Lo shock termico della lava con il mare ha formato colonne di vapore acqueo che trasportano gas potenzialmente tossici

Il buio della notte non ha permesso di vedere le colonne di vapore acqueo che si sono formate per lo shock termico della lava con il mare, colonne che trasportano gas che possono essere tossici per gli occhi, i polmoni e la pelle come abbiamo già avuto modo di spiegare.
Prosegue intanto il viaggio dell’anidride solforosa che sta attraversando l’Europa dalle Canarie. Secondo l’ultimo aggiornamento, ieri avrebbe raggiunto l’arcipelago artico norvegese delle Svalbard.

Leggi anche:

Greta Thunberg a Milano per Youth4Climate: “Green Economy? Bla bla bla!”

Crisi climatica, i bambini esposti ai disastri sette volte più dei loro nonni

© Iconameteo.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Iconameteo.it) e il link al contenuto originale

Tags

Articoli correlati

Back to top button