CopertinaPrevisioni

Meteo, OGGI ultime piogge al SUD poi FRONTE FREDDO

Qualche nebbia in Val Padana. Dopo un breve rialzo della pressione, la situazione è destinata a peggiorare di nuovo

La situazione meteo oggi vede ancora delle piogge al Sud. Sono gli ultimi strascichi della perturbazione numero 3 di novembre sulle estreme regioni meridionali, in particolare sul basso versante ionico. Alle sue spalle un temporaneo promontorio di alta pressione torna a inglobare l’Italia con conseguenti schiarite, attenuazione del vento, qualche nebbia e rialzi nelle temperature massime che si mantengono su valori oltre la norma. La situazione è destinata a mutare di nuovo tra la fine di domani e venerdì quando un nuovo fronte freddo in discesa dal Nord Atlantico (perturbazione n.4) farà il suo ingresso nel Mediterraneo e darà origine a un vortice di bassa pressione in rapido trasferimento verso il Meridione.

L’attivazione di venti anche molto forti attorno alla depressione favorirà la rapida propagazione dell’aria fredda con un cambio di clima evidente; la sensazione di raffreddamento sarà infatti accentuata dall’intensa ventilazione. La fase di precipitazioni sarà scarsa e fugace al Nord, più significativa ma comunque rapida al Centro (neve in quota sull’Appennino), più insistente sulle regioni meridionali, in particolare in Calabria e Sicilia che potrebbero rimanere sotto l’influenza dal vortice anche nei primi giorni della prossima settimana.

Previsioni meteo per oggi

Sulle regioni centro-settentrionali, in Sardegna e coste campane cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso, salvo la presenza di nebbie mattutine in Pianura Padana. Nella notte successiva torneranno ad infittirsi coinvolgendo anche le coste dell’alto Adriatico e alcune valli interne del Centro Italia. Nel resto del Sud e sulla Sicilia nuvolosità variabile e irregolare associata a rovesci sparsi tra Calabria e Sicilia; al mattino possibili residue piogge su estremo sud della Puglia e Appennino lucano.

Temperature che restano in generale oltre la norma con valori massimi pomeridiani anche leggermente oltre i 20 gradi su regioni tirreniche, Sardegna e Sicilia.
Venti in prevalenza deboli al Centro-Nord e sulla Sardegna salvo moderati rinforzi da nord in Liguria, Toscana, Umbria, coste del medio Adriatico e coste tirreniche della Sardegna; moderati o localmente tesi da nordest al Sud e sul Tirreno meridionale.
Mari: poco mossi il Mar Ligure orientale e sottocosta il medio Tirreno; mossi o molto mossi i restanti bacini intorno alla Penisola.

Allerta meteo al Sud

Per la giornata di oggi la Protezione Civile ha diramato l’allerta meteo nei seguenti settori:

  • ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA GIALLA:
    Basilicata: Basi-A2, Basi-A1, Basi-C, Basi-B, Basi-E2, Basi-E1, Basi-D
    Calabria: Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Meridionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Settentrionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Settentrionale
  • ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA GIALLA:
    Basilicata: Basi-A2, Basi-A1, Basi-C, Basi-B, Basi-E2, Basi-E1, Basi-D
    Calabria: Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Meridionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Settentrionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Settentrionale
    Puglia: Salento, Tavoliere – bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle, Basso Fortore, Gargano e Tremiti, Puglia Centrale Adriatica, Sub-Appennino Dauno, Basso Ofanto, Bacini del Lato e del Lenne, Puglia Centrale Bradanica
    Sicilia: Nord-Orientale, versante ionico, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Sud-Orientale, versante ionico, Bacino del Fiume Simeto, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie
  • ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA GIALLA:
    Basilicata: Basi-A2, Basi-A1, Basi-C, Basi-B, Basi-E2, Basi-E1, Basi-D
    Calabria: Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Meridionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Tirrenico Settentrionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Settentrionale
    Puglia: Salento, Tavoliere – bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle, Basso Fortore, Gargano e Tremiti, Puglia Centrale Adriatica, Sub-Appennino Dauno, Basso Ofanto, Bacini del Lato e del Lenne, Puglia Centrale Bradanica
    Sicilia: Nord-Orientale, versante ionico, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Sud-Orientale, versante ionico, Bacino del Fiume Simeto, Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie

meteo giovedì

Previsioni meteo per giovedì 19 novembre

Nuvolosità variabile e irregolare, alternata a schiarite anche ampie, all’estremo Sud tra Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia con qualche isolata pioggia ancora possibile tra la bassa Calabria e i settori orientali e settentrionali della Sicilia. Nel resto d’Italia tempo prevalentemente soleggiato ma attenzione alla presenza di nebbie anche fitte su pianure e coste adriatiche del Nord, solo in parziale dissolvimento nelle ore centrali della giornata.

Da segnalare nel corso del giorno un aumento della nuvolosità sui settori alpini più settentrionali sintomo dell’avvicinamento di una perturbazione che a fine giornata porterà delle precipitazioni inizialmente sul settore alpino, in successiva estensione anche al Nordest e all’alta Toscana. La quota delle nevicate si abbasserà rapidamente fin verso i 1100-1500 metri nella notte. Saranno possibili anche dei rovesci e dei temporali sulle coste toscane.

Temperature miti per la stagione al Centro-Nord salvo nelle aree nebbiose e grigie del Nord Italia. Possibili punte di 17-19 gradi sul medio e basso Tirreno, e picchi di 20°C o poco sopra sulla Calabria e sulle Isole. Venti moderati o tesi da nordest sullo Ionio che risulterà mosso o localmente molto mosso nel settore meridionale; un po’ mosso anche l’Adriatico meridionale e il Canale di Sicilia; poco mossi i restanti bacini intorno alla Penisola.

Tags

Articoli correlati

Back to top button